Nel 2014 la spesa per la pubblicità video online é raddoppiata rispetto al 2012, divenendo un mercato potenziale da 5 miliardi di dollari. Nel prossimo triennio l’espansione prevista a livello globale di questo mercato è esponenziale, grazie allo sviluppo delle tecnologie legate alla banda larga, alla diffusione dei dispositivi mobile, alla connettività integrata su più piattaforme.

Le connessioni 4G in particolare stanno emergendo come un catalizzatore molto potente per la crescita del comparto video. La crescita prevista di utilizzo video su dispositivi mobili passa dal 18% nel 2011 al 43% nel 2015 su scala mondiale. In paesi con mercati più consolidati, come Usa e Europa occidentale, la percentuale arriverà fino all’80%. Il mercato dei contenuti video, appare quindi al giorno d’oggi, uno dei settori in maggior espansione a livello mondiale.

Negli ultimi anni, la spesa pubblicitaria sui giornali è dimezzata, mentre è incrementata esponenzialmente quella on line. Il trend di investimento maggiore è sui dispositivi mobili: nel 2015 l’investimento pubblicitario sui dispositivi mobili (tablet e smartphone) sarà il triplo di quella per tv.
La diffusione di contenuti on demand e video originali attraverso la piattaforma web sta esplodendo negli ultimi 2 anni ed il trend di crescita è costante. L’esempio di NETFLIX, negli Stati Uniti, che ha raggiunto nel 2014 più abbonati dei canali mainstram come HBO e ABC, accanto
al proliferare di piattaforme di distribuzione video (in Italia Mymovies, Chili, ecc. per citare quelle più recenti) è sintomatico. Recenti articoli di settore danno il settore delladistribuzione cinematografica, video suddiviso, per il prossimo quinquennio, in misura egalitaria fra la sala e la distribuzione on demand.

La fine inoltre dell’epoca della produzione e distribuzione su pellicola, ed il conseguente accesso a modelli differenti di produzione e distribuzione digitali, ha di fatto allargato il mercato potenziale. E’ importante sottolineare quanto i nuovi “modelli di produzione digitale” e la non localizzazione delle distribuzioni di contenuti originali (fictional e pubblicitari) abbia reso obsolete e farraginose le classiche aree di produzione centralizzate (come Roma e Milano).

In breve, abbiamo quindi deciso di prendere in esame questi due settori, entrambi riferibili alla produzione video.
Quello pubblicitario e quello della produzione di contenuti originali (cinema, serie, webserie, ecc.). Abbiamo rilevato come la mancanza di professionalità in questo settore sia marcata nel nostro paese. Nei territori di riferimento (centro nord Italia) questa mancanza (al di là delle città di Roma e Milano) è drammatica. Non solo manca la formazione teorico tecnica di base: ancora di più manca una formazione teorico tecnica e pratica attuale, che tenga conto degli ultimi sviluppi comunicativi, tecnici, teorici in un ambito che fa della velocità e della tecnologia due aspetti vitali. Il mercato della produzione di contenuti video originali (pubblicitari e fictional) è chiaramente in crescita.
Tutto il comparto comunicazione si sta muovendo rapidamente verso il video. L’accesso a connessioni con banda maggiore consentono (ed in misura sempre maggiore consentiranno) una maggior fruizione di dati, e quindi semplificano il consumo del video. Persino i mezzi di produzione video sono divenuti alla portata di tutti (smartphones e fotocamere in cui la possibilità di registrare video è ormai un must). La condivisione di informazioni è passata dal testuale alle immagini statiche e sta passando dalle immagini statiche ai video.

Obiettivi:

  • La formazione di personale tecnico e artistico risponde quindi ad una precisa esigenza e carenza: l’audiovisivo rappresenta l’ambito di maggior spinta nel campo dei mestieri legati alle nuove tecnologie.
  • Si calcola che lo sviluppo che l’ambito audiovisivo avrà sui nuovi media e sul web sarà in costante crescita nel prossimo quinquennio . (fonte - Fondazione Rosselli: web strategico per il mercato audiovisivo)
  • La carenza di professionalità capaci di affrontare le sfide che questa crescita impone è conclamata. Accademia Cinema Toscana si pone quindi l’obiettivo di formare professionalità moderne, all'avanguardia dal punto di vista delle conoscenze e della capacità operativa, capaci di relazionarsi e di affrontare uno dei mercati oggi in maggior sviluppo. L’obiettivo è formare ed avviare al mondo lavorativo giovani competenti tecnicamente e culturalmente ad affrontare un mercato globale.

 

Allegati:
Scarica questo file (ACT Analisi Mercato.pdf)ricerca e analisi[perché è importante puntare sulla formazione in cinema e audiovisivo]658 kB

News


  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
OPEN DAY 30 Settembre 2017

OPEN DAY 30 Settembre 2017

07-09-2017

Vieni a scoprire le opportunità di lavoro nel campo del cinema e dell'audiovisivo!

ACT si sta internazionalizzando!

ACT si sta internazionalizzando!

29-08-2017

Nuove opportunità di scambio in arrivo per studenti e docenti.

Studenti e Docenti ACT sul set!

Studenti e Docenti ACT sul set!

22-08-2017

Collaborazione per il cortometraggio "Le Piccole Cose" di Metropolis Produzioni.

VUOI PIU' INFORMAZIONI? SCOPRI I NOSTRI CORSI

Presentazione

L'Accademia di Cinema Toscana è una struttura professionalizzante, unica in Italia per modello formativo, inserita in un contesto giovane, dinamico, universitario, all'interno del centro storico medioevale della città di Lucca.

Map


Contact info

Accademia Cinema Toscana

 Via Elisa, 63 - 55100 Lucca

 info@accademiacinematoscana.it

 P: +39 0583 429169

  
 

Continuando a consultare il nostro sito, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie. info